Giovanni Gusai - Come in cielo, così in mare - recensione

Come in cielo, così in mare

di Giovanni Gusai – Sem edizioni

Un prima e un dopo rispetto a un evento, un dolore, una parentesi di vita. Antine si è laureato, è arrivato il momento di pensare al dopo, al mondo dei grandi e del lavoro. Ma gli mancano gli attrezzi, glieli fornirà un viaggio nel passato, alle radici della famiglia, in terra sarda dove sentimenti privati e primitivi sono il viatico per crescere. Il romanzo di esordio di Giovanni Gusai, Come in cielo, così in mare, Sem edizioni, è il percorso di crescita e incontro col dolore di un giovane milanese che “non si era ancora trovato con la matassa della sua esistenza tra le mani, a cercare i due capi lasciati liberi da una lacerazione per poterli riannodare e ricominciare a far scorrere il filo”.

Giovanni Gusai - Come in cielo, così in mare - recensione

I capi della matassa tra le mani di Antine sono il nonno Bertu e il padre Salvatore, figure divise da incomunicabilità e vecchi risentimenti.  Il funerale della nonna paterna è l’occasione per andare a Locòe, il paese sardo di origine del padre che, a sua volta, ha tagliato da anni i legami con i genitori. Cosa sia successo tra il padre di Antine e il nonno Bertu è un argomento da sempre eluso in famiglia e che Antine vorrà capire, una volta arrivato in Sardegna. Locòe diventa il luogo dove Antine si trattiene per qualche mese, dove impara a fare da solo, a cercare un lavoro e a disseppellire la storia della sua famiglia incontrando il nonno Bertu. Non esiste un legame tra loro, si parlano per la prima volta e non è facile per Antine smussare gli spigoli riottosi di un uomo anziano il cui figlio è partito senza più fare ritorno. Il nonno, nonostante l’età, dà ad Antine l’impressione di essere più vivo di molti giovani, pare non avere paura di nulla, è come se conoscesse tutte le asperità possibili e sapesse domarle da solo.

Bertu non cerca compassione per la perdita della moglie, né compagnia, vuole restare là dove può identificarsi con la propria terra, diventandone parte, portandosi addosso umori e odori di un luogo che non ha mai abbandonato. Il sentiero per arrivare al suo ovile è tortuoso, scosceso, scoraggiante, così come lo è arrivare al suo cuore. Antine ha l’appoggio di Niàda, una giovane amica che ha seguito la nonna fino all’ultimo e che conosce le prove che attendono Antine se vuole raggiungere Bertu e sapere cosa abbia diviso padre e figlio.  L’incontro col nonno sarà infatti una prova fisica ed emotiva per Antine che si troverà a passare da un prima a un dopo, dalla non conoscenza alla piena consapevolezza che l’amore esiste e resiste anche quando per anni rimane muto e in disparte.

Giovanni Gusai presenta Come in cielo, così in mare lunedì 28 febbraio alla rassegna Parole Chiave. Intervista Riccarda Dalbuoni.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter

Informativa

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per ottimizzare la navigazione e i servizi offerti, cliccando il pulsante accetta acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per informazioni sui cookie utilizzati in questo sito visita la nostra pagina cookie policy.